fbpx

Fuitina
[fui-tì-na] n.f.
(dial.sicil.) fuga repentina di due innamorati.

A sira ca minni fuiiu, senza dari a capiri nenti a ma famigghia, scinnu dassutta a pigghiari l’acqua, rapu l’acqua e ci misi u sicchiu chiddu di chisa ca fa sgrusciu (tu tu tu tu tu tu), a muta a muta iu rapu u purticatu, mi nficcu nda machina e minni iu, mannaiu tutti a vaffanculu, picchi tantu pi ma mugghieri nan vulevunu nuddu.
Ma iu fici tridici, e u facissi nan si sapi ancora quanti voti.
E nan sai a megghiu, mi ciccavunu i ma frati, picchi c’aveva nan sacciu quanti frati e mi eunu ciccannu, iu era ‘n campagna ndo megghiu (arrida).

La sera che sono andata via, senza far capire nulla alla mia famiglia, sono scesa giù a prendere l’acqua, l’ho aperta dalla fontana e ho messo il secchio, quello di ghisa che fa rumore, zitta zitta ho aperto il portone e sono salita in macchina, mandando tutti a quel paese, perché tanto nessuno era d’accordo che io stessi con mia moglie.
Ma io sono stata fortunata, e lo rifarei ancora.
E non sai la cosa migliore, i miei fratelli mi cercavano, ma io ero in campagna nel momento più bello (ride).
Amuri è amuri, nasce dall’amore verso la nostra terra, la Sicilia.

Ricca di contrasti, bellezza e pregiudizi.

La storia da voce all’amore universale, senza nessun pregiudizio, in un momento storico diverso dal nostro, in una Sicilia che accettava solo l’amore tradizionale. Ambientata in un paese ai piedi dell’Etna, tra le campagne e l’antico quartiere medievale della Gancia.

#moodboard

FISSA UN APPUNTAMENTO

it_IT